Tennis, l’Italia di Jannik Sinner batte l’Australia e vince la Coppa Davis dopo 47 anni

Siamo sul tetto del mondo dopo 47 anni. L’Italia del tennis può finalmente esultare e alzare la Coppa Davis, ovvero la coppa del mondo a squadre nazionali maschili, grazie alla vittoria contro l’Australia per 2-0. Merito di un percorso straordinario con sugli scudi il numero uno italiano, nonché numero 4 al mondo, Jannik Sinner, artefice ieri di un capolavoro contro la Serbia, battendo nel giro di poche ore il numero 1 al mondo Novak Djokovic due volte. Prima nel singolo, dove gli ha annullato 3 match point, poi nel doppio, in coppia con Lorenzo Sonego.

A finire nelle grinfie degli azzurri, stavolta, l’Australia, battuta per 2-0. Nel primo match, è stato il 22enne di Sanremo Matteo Arnaldi a battere in 2 ore e 27 minuti Alexei Popyrin, numero 40 del mondo, dopo tre set (7-5, 2-6, 6-4). Una vittoria fondamentale che ha messo tutto nelle mani di Sinner, che ha sfidato l’altro australiano Alex de Minaur, numero 12 al mondo. Non c’è stata storia. Prima ha liquidato l’avversario nel primo set per 6-3, poi lo ha annientato cinicamente nel secondo per 6-0.

L’“insalatiera” – nome del trofeo della competizione – torna a casa. L’Italia aveva vinto solo una volta la Coppa Davis, nel lontano 1976, 47 anni fa, quando a trionfare furono Nicola Pietrangeli – capitano non giocatore -, Adriano Panatta, Paolo Bertolucci, Corrado Barazzutti e Antonio Zugarelli. Stavolta sono stati Jannik Sinner, Lorenzo Musetti, Lorenzo Sonego, Simone Bolelli e Matteo Arnaldi. Erano 25 anni (1998), invece, che la Nazionale non partecipava a una finale. Ora, finalmente, la gioia immensa può liberarsi in un unico urlo: campioni!

[📸 IPA]

Tags: Italia , tennis , Australia , Jannik Sinner , Coppa Davis