Lip balm, l’ascesa di un prodotto che è diventato uno status symbol

Serena van der Woodsen lo disse in tempi non sospetti: «Il rossetto dura di più, ma il gloss è più divertente». Divertente, sì, ma non solo. Come insegna TikTok infatti le recenti declinazioni del gloss hanno conquistato tutti, celeb e non solo, diventando parte della skincare che tra lip balm, lip gloss e lip mask pone la cura delle labbra allo stesso livello di quella per la pelle introducendo ingredienti funzionali alla loro cura come i peptidi. 

Hailey Bieber con Rhode ne è una dimostrazione di successo, con i suoi lip balm sempre sold out, sia in tonalità neutre che colorate. Anche personaggi del calibro di Sofia Coppola hanno lanciato questo prodotto mentre i brand di make-up e anche di skincare ne hanno fatto un punto di forza puntando proprio su questo prodotto nelle loro ultime campagne. Ce l’hanno tutti, ma proprio tutti, e non si tratta solo della funzionalità e della comodità del gloss rispetto al rossetto, più facile e veloce da indossare e anche dall’effetto shiny che ultimamente è molto in trend nel make-up. 

Funzionalità, divertimento, tendenza, una vastità di colori che non lascia spazio all’immaginazione, ma anche status. Una volta raggiunta la viralità su TikTok non c’è scampo, ed ecco che prodotti come il lip balm della linea beauty di Dior, o di Fenty o di Laneige sono diventati oggetto del desiderio di moltissimi. Il prezzo, per trattarsi di un prodotto labbra, è spesso alto, ma comunque più accessibile rispetto ad altri prodotti luxury. Vale un po’ lo stesso discorso di quando i brand di lusso iniziarono a vendere calzini o t-shirt: comprare un prodotto del genere fa sentire molte persone più vicine alle maison pur senza spendere un patrimonio. Ci viene quindi da chiederci, i lip balm sono diventati, oltre che un’ossessione, la soluzione ai problemi della Gen Z?

[📸 Instagram: haileybieber]

Tags: Hailey Bieber , Rhode , lip balm , Lip gloss