L’attrice Jessica Chastain rivela: «Sono cresciuta con molto risentimento, perché non avevamo niente»

In una recente intervista rilasciata al “Sunday Times”, Jessica Chastain si è aperta in merito al suo doloro passato, rivelando di aver trascorso l’infanzia e l’adolescenza in una condizione di grande precarietà che, probabilmente, non ci si aspetterebbe da una persona di successo e risoluta come lei. L’attrice due volte candidata all’Oscar, infatti, ha raccontato di come la povertà in cui versava la sua famiglia abbia inevitabilmente condizionato non solo il suo modo di vivere, ma anche la persona che è diventata oggi.

«Sono cresciuta con molto risentimento, perché non avevamo niente, nemmeno il cibo» ha dichiarato Jessica durante l’intervista, aggiungendo: «Non ne parlo molto, quando le persone mi vedono, penso che si aspettino un background diverso da quello che ho io. Poiché vengo da quel posto, so com’è e mi fa arrabbiare, e non voglio che a nessun altro venga negato nulla. In termini di voce, di essere visti, riconosciuti e apprezzati». Chastain ha rivelato inoltre che, per poter frequentare la Juilliard School of Performing Arts – la prestigiosa scuola d’arte dalla quale escono molte delle star del panorama artistico contemporaneo -, è stata costretta a lavorare proprio all’interno dell’istituto.

L’attrice, però, non perde occasione per ringraziare anche tutti coloro che l’hanno aiutata durante il suo percorso e a diventare la donna che è oggi: «C’erano persone che vedevano che stavo lottando da bambina e mi hanno aiutato. Ed è per questo che sono finita dove sono ora» affermando anche di essere stata la prima della sua famiglia a “non rimanere incinta quando aveva 17 anni” e che il non aver avuto un figlio quando era così giovane le ha dato la possibilità di fare delle scelte che altrimenti non avrebbe avuto potuto fare.

Tags: Jessica Chastain , Juilliard School of Performing Arts , Sunday Times