Hermès: il sequel della Fall 2024 porta un po’ di Parigi a New York

Parigi e New York. Due metropoli, così vicine, così lontane. Una connessione a tratti spezzata ma sempre costante quella tra due delle città più cosmopolite e vivaci, una europea e l’altra americana, che è stata raccontata ieri sera 6 Giugno 2024 da Hermès, che ha scelto New York come location del Capitolo II della sfilata per la Collezione Fall 2024.

La direttrice creativa del marchio, Nadège Vanhée, ha sempre espresso il desiderio di poter sfilare a NYC, avendo lei stessa vissuto nella Big Apple, durante i suoi anni come designer presso The Row. Una città vibrante e sempre aperta come l’ha definita la designer francese, con una vivacità non comune ed estremamente diversa dal rigore parigino.

Lo show si è tenuto nella sede di Pier 36, con una dozzina di semafori gialli che ondeggiavano sopra la passerella. Mentre l’after party si è svolto in pieno stile newyorkese con un evento chiamato “Manhattan Rocabar”, su una terrazza all’aperto lungo l’acqua, con DJ set (con esibizioni musicali di Rahill, Carolina Polachek e Honey Dijon), cocktail bar e catering dell’iconico Ristorante Carbone.

Un sequel dunque, della sfilata di febbraio a Parigi; sebbene il lusso sofisticato e “quiet” fosse presente anche qui, in questo secondo capitolo c’è una verve leggermente diversa, più fresca, giovane, contaminata dal più autentico urban style newyorkese.

Capispalla giallo taxi con rifiniture in pelle; dolcevita con colletto doppio color rosso semaforo e blu brillante; giacche sportive dal gusto equestre tipico della maison in maglia di lana; ma anche riferimenti del mondo biker con la pelle protagonista su giacche e pantaloni, il tutto arricchito dall’atmosfera conferita dalle note di “Luck of Lucien” dei A Tribe Called Quest.

Ma anche sciarpe di seta, maglieria preziosissima in cashmere con il tradizionale motivo a strisce della coperta “Rocabar”, icona del marchio. Una maglieria che si è poi tradotta anche in abiti in maglia a righe e completi con inserti di pelle iper luxury, indossati da top model come Irina Shayk e Paloma Elesser. Poi la color palette è passata dai toni accesi tipici delle notti di Manhattan per procedere verso grafismi in black&white, come nelle jumpsuit in pelle, pezzo unico tra utilitywear e lusso non troppo gridato.

Fiore all’occhiello anche rappresentato dagli accessori, a partire dalle calzature, perfette per correre da una parte all’altra della città, come gli stivali da cowboy, che per questo secondo capitolo si sono tinti anche di bianco. Ma anche la gioielleria, che ritroviamo nei polsini Colliers de Chiens tempestati di borchie, i berretti da marinaio sempre in pelle, le cinture a catena e in pelle. Varietà nelle borse, maxi o mini, da portare a tracolla o in vita, adatte ad ogni momento della giornata.

Dopotutto a Parigi, come a New York, non ci si ferma mai.

[📷 hermes.com]

Tags: New York , Hermès , Fall 2024