Che caratteristiche deve avere oggi un direttore creativo?

Alla notizia di Alessandro Michele direttore creativo di Valentino, il web ha preso subito posizione. Da una parte, chi non vedeva l’ora che il designer tornasse in scena, dall’altra i nostalgici di Pierpaolo Piccioli e i sostenitori di una moda meno incline all’estrosità. Ma che requisiti deve avere oggi un direttore creativo per accontentare tutti? Michele, più che un semplice designer, durante gli anni da Gucci si è elevato a personalità di culto: un visionario capace di risollevare le sorti di un marchio senza temere le polemiche. Un approccio spettacolare ma difficile da digerire dal grande pubblico, un po’ come John Galliano ai tempi di Dior, o Demna Gvasalia da Balenciaga. Puntare su un direttore creativo dalla forte personalità, per un brand, è un’arma a doppio taglio: basti guardare le reazioni alla scommessa di Louis Vuitton con Pharrell Williams, amato dalla pop culture ma guardato con diffidenza dagli insider. Ancora peggio se la maison è reduce da un lutto: riuscirà a soddisfare le aspettative?

Moltissimi brand di moda, infatti, si guardano dall’appuntare una figura di spicco ai vertici, optando per nuovi volti ed ex addetti ai lavori. È il caso di Gucci, che ha scommesso sulla visione minimalista di Sabato De Sarno, ma anche Tom Ford, che dopo l’uscita del fondatore ha nominato il semi-sconosciuto Peter Hawkings – che opera all’interno della maison da 25 anni. Certo, un direttore creativo che si affaccia al suo primo incarico presenta un approccio più malleabile, più cauto nelle sperimentazioni e fedele all’heritage per non rischiare di snaturare il brand. C’è il rischio però che in questo modo lo stile non venga modernizzato, frenato dal timore di azzardare una mossa sbagliata. Fortunatamente ci sono anche le eccezioni: è il caso di Sean McGirr, nuovo direttore di McQueen che ha dimostrato subito di avere creatività da vendere, così come Chemena Kamali, direttrice di Chloé, che con un solo show ha saputo riportare la maison alla sua originalità.

[📷 ©️ Courtesy of Fabio Lovino/Valentino; Getty Images; Instagram: kering_official, tomford; Pixelformula, SIPA/IPA]

Tags: Fashion , Alessandro Michele , Valentino , direttori creativi