Adele, secondo un nuovo video la cantante potrebbe aver frainteso il commento “omofobo” urlato durante un suo concerto

Sembra che ci sia stato un vero e proprio malinteso tra Adele e lo spettatore incolpato di aver fatto un commento “omofobo” durante il suo concerto a Las Vegas. Il 1° giugno la cantautrice britannica si è esibita al Colosseum del Caesars Palace, dedicando una parte del suo spettacolo “Weekends With Adele” alla comunità LGBTQIA+ per celebrare l’inizio del Pride Month, la ricorrenza internazionale che si celebra l’intero mese di giugno e sottolinea l’importanza della lotta per i diritti della comunità LGBTQIA+.

Ad aver catturato l’attenzione durante il suo concerto è stato il commento di uno spettatore che, almeno a primo impatto, sembrava che avesse gridato “Pride sucks”, ovvero “Il Pride fa schifo”. Senza pensarci due volte, Adele ha fermato lo spettacolo e ha risposto a quello che sembrava a tutti gli effetti un commento omofobo, difendendo i diritti della comunità LGBTQIA+. «(…) Se non hai niente di carino da dire, stai zitto, va bene?», ha detto Adele allo spettatore.

Il racconto dello scontro è diventato virale sul web, dove gli utenti hanno elogiato Adele per non aver esitato a prendere le parti della comunità LGBTQIA+. Tuttavia, nelle ultime ore è emersa una nuova versione dei fatti, riportata anche dal Daily Mail: sembra infatti che la frase finita al centro del dibattito sia stata mal interpretata. Come mostra un video postato su TikTok da un utente presente al concerto di Las Vegas, pare che non sia stato urlato “Pride sucks”, bensì “Work sucks”, ovvero “Il lavoro fa schifo”. Un commento che acquisisce un significato totalmente diverso e che sarebbe in linea con quanto affermato poco prima dalla cantante di “Hello”, che aveva appena fatto riferimento alla sua fitta agenda lavorativa.

[📷 Empics Entertainment / IPA]

Tags: Adele , Weekends With Adele