TikTok: vengono introdotte nuove misure volte a evitare la diffusione dei contenuti fake generati con l’AI

Quante volte vi è capitato di vedere un video di questa o quella personalità del mondo dello spettacolo o – in modo più preoccupante – della politica, dire o fare cose completamente distanti da quello a cui ci avevano sempre abituati? Ci abbiamo creduto, per un po’ – alcuni continuano a farlo –, poi abbiamo realizzato che l’AI ci aveva teso l’ennesimo inganno. In un’era in cui l’intelligenza artificiale ci sta facendo quasi perdere il senso della realtà, rendendo i confini tra quest’ultima e la finzione sempre più labili, alcune piattaforme di distribuzione di contenuti stanno sentendo la necessità di preservarsi. Lo scorso settembre è stato TikTok a prendere delle misure preventive volte a evitare il diffondersi di materiale fake, lanciando una funzionalità che consentisse ai creator di etichettare in piena autonomia i contenuti – foto o video – generati con l’AI. Anche se l’etichetta doveva essere applicata manualmente ai video, gli utenti dovevano segnalare quelli che sono stati definiti “media sintetici”, ovvero tutto ciò che poteva essere erroneamente scambiato per reali.

Secondo quanto riportato da Ansa, ora, l’azienda leader dell’intrattenimento online, giudicando queste misure ancora non sufficientemente efficaci, introduce ancora nuove restrizioni. Anche se sono già tanti i creator che etichettano in autonomia i propri video, non tutti si sono dimostrati propensi nel denunciare le pratiche di realizzazione dei propri contenuti, rendendo quindi ancora molto difficile bloccare definitivamente il fenomeno. Per questo scopo TikTok ha stretto una partnership con la Coalition for Content Provenance and Authenticity, un’organizzazione che stabilisce standard per combattere la disinformazione online, offrendo allo stesso tempo alla piattaforma la possibilità di tracciare anche una parte della fonte del contenuto. In questo modo i metadati saranno ora in grado di riconoscere l’intelligenza artificiale nei video, consentendo a TikTok di etichettarli e, in caso, rimuoverli dalla piattaforma stessa. L’inizio della fine delle fake news?

Tags: TikTok , AI