T-beauty: il settore del beauty registra una forte espansione del mercato thailandese

Dopo il successo globale dei prodotti J-beauty e K-beauty – rispettivamente i mercati di bellezza del Giappone e della Corea – è ora il turno del mercato thailandese. Il Paese, infatti, sta lavorando ormai da tempo per rendere la crescita dei prodotti T-beauty una realtà sempre più consistente, che possa competere con i più grandi attori globali. Infatti, secondo quanto riportato da Bof, l’Euromonitor ha registrato nel 2022 una crescita del mercato beauty thailandese pari al 9,2% rispetto all’anno precedente.

A guidare la crescita due brand leader del settore T-beauty: Oriental Princess – di proprietà di SSUP Holdings –, che si concentra su ingredienti naturali, e Mistine – di proprietà di Better Way –, che è stato uno dei primi marchi di bellezza diretti al consumatore locale. Proprio quest’ultimo, secondo un’analisi di Euromonitor Rachel Kok, aveva cominciato a lasciare il segno già durante gli anni della pandemia. Ora, però, il marchio sembra registrare una crescita senza precedenti, soprattutto grazie alla Cina, il suo mercato principale: il brand, infatti, incontra soprattutto il favore della gen-z cinese, la quale dichiara di fidarsi soltanto dei prodotti proveniente dalla Thailandia per resistere alle alte temperature.

La crescita non riguarda soltanto le grandi multinazionali, ma anche i piccoli imprenditori locali, che trovano il loro vantaggio competitivo in prezzi relativamente più bassi, in un mercato di marchi stranieri venduti a costi altissimi. Sebbene la Thailandia risulti comunque ancora indietro rispetto ad altri mercati più maturi, come quello della Corea del Sud e quello Giapponese, è già molto avanti rispetto ad altri, e i dati spingono a pensare possa ulteriormente crescere in futuro.

[📷 instagram: minddmakeup]

Tags: Beauty , Thailand