Sanremo 2024, Codacons annuncia il ricorso alla Commissione per l’accesso della Presidenza del Consiglio sul caos televoto

Dopo il rifiuto della Rai «che ha negato all’associazione i dati sui voti espressi dal pubblico», il Codacons non si arrende e va direttamente alla Presidenza del Consiglio. Al centro dell’iniziativa dell’associazione a difesa dei consumatori c’è il caos televoto che è avvenuto durante l’ultima finale del Festival di Sanremo 2024. Ad annunciarlo è una nota apparsa sul sito del Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, che ha così spiegato i successivi passi per la questione.

«Una azione doverosa da parte del Codacons stante le tantissime segnalazioni e proteste di telespettatori che, confidando di poter concorrere all’esito finale della kermesse canora, hanno lamentato il non funzionamento del televoto durante la puntata finale del Festival, e considerati i servizi di “Striscia la notizia” che hanno sollevato dubbi sul sistema di votazione. Segnalazioni pervenute anche dagli stessi cantanti in gara i quali, nelle ore cruciali della finale di Sanremo, hanno denunciato come il sistema del televoto aveva subito un intoppo, lanciando appelli social ai fan a continuare a votare, nonostante i problemi», recita la nota del Codacons.

Nel ricorso l’associazione ha scritto: «Il meccanismo in base al quale l’utente telespettatore ha scoperto solo il giorno dopo che il suo voto è stato consegnato ed il dato insuperabile che è impossibile escludere a priori ed in maniera certa che il proliferare di voti (nella misura massima di 5) non sia un atto voluto da parte del votante, di fatto opera come reintroduzione di un sistema vietato di voti massivi, venutosi a creare a causa del problema tecnico».

Poi continua ponendo il dubbio sul corretto svolgimento della finale, e sulla sua validità: «A prescindere da quanto prospettato, è comunque doveroso chiedersi se l’esito finale è stato condizionato dal non corretto, trasparente ed efficiente funzionamento del televoto. Vi è un numero considerevole di utenti telespettatori che, mediante il ricorso al televoto, ha sperato di concorrere all’esito finale, soggetti che hanno diritto di sapere come sono stati realmente finalizzati i soldi spesi per il televoto», conclude.

Ciò che chiede il Codacons alla Presidenza del Consiglio, con il ricorso, è di avere tutti i dati sui voti della serata finale della kermesse: sia quelli dei singoli componenti delle giurie della Sala Stampa e delle Radio, quelli validi del televoto, quelli invalidati e la motivazione per cui è avvenuto, e i dati sugli eventuali voti espressi dal pubblico da casa e non raccolti dal sistema a causa di disservizi tecnici.

[📸 IPA]

Tags: Codacons , Sanremo 2024 , Televoto