Miley Cyrus in una nuova intervista: “Mi piacerebbe recitare di nuovo. Ma il ruolo dovrebbe davvero essere giusto”

La scorsa estate con “Flowers” ha conquistato – e fatto cantare – tutti, tanto da ricevere il primo Grammy Award della sua carriera. Miley Cyrus è cresciuta e si è evoluta rispetto ai tempi in cui la ricordiamo come Hannah Montana, e lo sa bene. Agli scorsi Grammy, infatti, ha dato prova, ancora una volta, di tutto il suo talento e di tutta la sua personalità poliedrica proprio come i look che ha indossato. Un Grammy meritato per un’artista che all’età di 31 anni vanta più di 20 anni di carriera, e proprio su questo Miley ha riflettuto: «Lo faccio (di lavoro, ndr.) da 20 anni, e questa è la prima volta che sono stata presa sul serio ai Grammy? Ho avuto difficoltà a capire quale sia la misurazione, perché se vogliamo parlare di statistiche e numeri, allora dove caz*o ero? E se vuoi parlare, tipo, di impatto sulla cultura, allora dove caz*o ero? Non si tratta di arroganza. Sono orgogliosa di me stessa», ha spiegato nel corso della sua ultima intervista rilasciata a “W Magazine”.

Dalla collaborazione con Beyoncé in occasione del suo ultimo album “Cowboy Carter”, con il singolo “II Most Wanted”, al rapporto speciale con Dolly Parton, che considera una seconda madre, fino alla recente premiazione come Legenda Disney e all’associazione senza scopo di lucro da lei fondata circa un decennio anni fa, “Happy Hippie”, che si occupa di giovani LGBTQ e senzatetto, Miley Cyrus si racconta senza vergogna. Passa in rassegna la sua vita, vissuta sotto i riflettori per la maggior parte del tempo, sin da giovanissima. Sarà per questo che la sua vita privata è «super intima, sacra e segreta», ed è un’altra caratteristica comune con Beyoncé, per cui sanno di potersi fidare l’una dell’altra. Ma c’è anche un’altra persona con cui ha sviluppato un’amicizia intima «in un solo istante», racconta Miley, ed è Sabato De Sarno, direttore creativo di Gucci che, tra l’altro, l’ha vestita ai Grammy. «È una di quelle persone che, che io sia in un momento impegnativo o in un momento celebrativo, potrei onestamente chiamare, e potrei sentirmi ascoltata e curata, il che è così raro nella moda», racconta l’artista, aggiungendo più avanti nel corso della conversazione un piccolo aneddoto sui suoi allenamenti: «”Pratica come ti esibisci”. Ecco perché mi alleno con i tacchi. La palestra sembra davvero dura, ma poi ho le mie slingback Gucci avorio perché mi ricordano Marilyn Monroe. Mi alleno con i tacchi, per lo più. Sono interessata a femminilizzare lo spazio di allenamento, perché gran parte dell’attrezzatura da allenamento è brutta».

D’altronde non ci si può aspettare diversamente da parte di un’icona come Miley Cyrus, che tutti attendono non solo di sentire ancora la sua musica, ma anche di vederla di nuovo sullo schermo. E la risposta di Miley, senza troppi giri di parole, è stata: «Mi piacerebbe recitare di nuovo. Ma il ruolo dovrebbe davvero essere giusto, dal momento che è un po’ difficile per la gente guardare oltre me e credere in un personaggio. Il personaggio dovrebbe essere un’estensione di me stessa, o qualcuno -o qualcosa- con una personalità che può conquistare il mio. Avrei bisogno di un personaggio più grande di me».

[📸 Getty Images]

Tags: Miley Cyrus