Chanel: nel 2023 i ricavi aumentano del 16%, dirigenti soddisfatti della strategia e della direzione creativa

Nelle ultime ore della giornata di ieri, 21 maggio 2024, la maison Chanel ha riportato i risultati finanziari relativi all’anno 2023, registrando un aumento dei ricavi pari al 16%, ovvero 19,7 miliardi di dollari. Il CEO Leena Nair e il CFO Philippe Blondiaux hanno comunicato una crescita a doppia cifra in tutte le categorie, affermando di voler mantenere invariate sia la strategia del marchio che la direzione creativa di Virginie Viard.

Le vendite e i profitti record della maison rappresentano «Una testimonianza dell’appetibilità delle creazioni di Chanel e degli investimenti sostenuti che abbiamo fatto nel nostro brand, per creare la migliore luxury experience per i nostri clienti e nel supportare le nostre persone a crescere e svilupparsi», ha riferito Philippe Blondiaux in una dichiarazione rilasciata a “Business of Fashion”. Secondo quanto riportato, infatti, negli ultimi anni la società avrebbe notevolmente aumentato gli investimenti dall’espansione degli store all’internalizzazione delle supply chain, solo per citare alcune iniziative. «Negli ultimi dieci anni abbiamo più che raddoppiato le nostre entrate; abbiamo più che raddoppiato il nostro organico. E negli ultimi cinque anni abbiamo raddoppiato le dimensioni della nostra rete di distribuzione. Quindi ci sono molti cambiamenti internamente e stiamo operando in quello che è un contesto in rapida evoluzione a livello globale, il che è complesso. Vediamo molteplici crisi nel mondo», ha commentato Leena Nair, aggiungendo: «La mia priorità, insieme al mio gruppo dirigente, è continuare a proteggere la nostra differenziazione e ad evolverci come marchio e azienda iconici. E questo significa proteggere la forza del nostro marchio e valorizzare ciò che ci rende diversi, così come la nostra libertà di creazione».

Una crescita che si inserisce in un contesto turbolento per il settore del lusso, che come riportato dalle principali piattaforme di analisi globali starebbe vivendo un momento di rallentamento. Le strategie adottate da Chanel si confermano vincenti, nonostante le critiche affrontate nell’ultimo anno, soprattutto sui social, dove diversi utenti hanno commentato l’aumento dei prezzi registrato dalla maison negli ultimi mesi, che il fashion president della maison Bruno Pavlovsky, in un’intervista rilasciata a “WWD” a inizio 2024, aveva commentato: «Non rincorriamo un posizionamento sul mercato, ma alziamo i prezzi per coprire i costi. La maggior parte dei nostri concorrenti ha già aumentato i prezzi quest’anno», sottolineando inoltre la longevità del design, che, a differenza delle offerte stagionali, non passerà mai di moda. A seguito dei nuovi risultati finanziari, invece, la CEO ha affermato: «I social media sono una forma di feedback e noi li osserviamo e impariamo da essi e abbiamo sempre l’umiltà e la curiosità di imparare e migliorare continuamente. Ma se guardo alcuni degli altri numeri, la soddisfazione dei clienti in tutte le aree geografiche è aumentata. I nostri punteggi sul valore del marchio sono aumentati in tutti i dati demografici».

Ma insomma, questo significativo aumento dei ricavi sarebbe merito anche della direttrice creativa Virginie Viard? La designer, che dal marzo 2019 ha preso le redini artistiche di Chanel dopo Karl Lagerfeld, con le sue collezioni ha ricevuto diverse critiche che hanno molte volte posto sotto i riflettori una mancanza di creatività. Chi spesso muove le critiche, però, è un appassionato ma non uno dei clienti che invece sembrano soddisfatti del lavoro della direttrice creativa, come anche i vertici della maison. È stato lo stesso Philippe Blondiaux, infatti, a riflettere sui risultati ottenuti da Virginie Viard, affermando: «Le collezioni possono avere più o meno successo, queste cose accadono a qualsiasi stilista. Ma da quando Virginie [Viard] è subentrata a Karl… il fashion business di Chanel si è moltiplicato per 2.2. Il business del prêt-à-porter di Chanel è stato moltiplicato per 2.5, e lo scorso anno il business del prêt-à-porter di Chanel è cresciuto del 23%». Anche Leena Nair ha chiarito il proprio pensiero riguardo la direttrice creativa, affermando a “WWD”: «Virginie è una donna stimolante che crea con grande successo per le donne di tutto il mondo, e il feedback dei clienti – il comfort, la silhouette, la vestibilità – è davvero positivo, sta ottenendo molto successo».

[📸 Mira, Alamy / IPA]

Tags: Chanel , Virginie Viard , Leena Nair , Philippe Blondiaux